Il framework MVC Alloy

admin/ ottobre 20, 2016/ Blog Tecnico, Mobile

Alloy è un framework che adotta un’architettura Model-View-Controller e utilizzando files XML e CSS-like permette ai programmatori di separare la UI dalla business logic e dai data model. La view ha il compito di descrivere l’interfaccia utente, il controller è la parte di codice che ha il compito di gestire eventi della UI.

In un progetto Alloy Titanium i file sono organizzati in cartelle e seguono alcune semplici regole di nomenclatura

tiapp.xml

È il file di configurazione del progetto. Oltre a contenere le informazioni che abbiamo inserito in fase di creazione del progetto, questo file consente anche di definire eventuali moduli esterni che vogliamo utilizzare, e possiamo aggiungere ulteriori voci di configurazione relative alle singole piattaforme di distribuzione (cioè voci specifiche solo per iOS, Android e/o per le altre piattaforme supportate). È un file XML che può essere modificato con Titanium Studio anche in modalità visuale.

\app

La cartella app è la cartella dove risiedono i sorgenti del nostro progetto Alloy.

\app\config.json

In questo file JSON potremo definire degli oggetti il cui valore può dipendere sia dall’ambiente di esecuzione (sviluppo, test o produzione) che dalla piattaforma di destinazione. Il loro valore sarà accessibile attraverso la chiamata al namespace Alloy.CFG.

\app\alloy.js

Questo è il file che verrà eseguito per primo, e per questo motivo è ottimo per inizializzare gli oggetti usati nell’app, e per definire gli oggetti globali (che saranno accessibili attraverso il namespace Alloy.Globals). Solo dopo l’esecuzione di alloy.js verrà eseguito il codice del primo controller.

\assets

È la cartella dove dovranno essere raccolti gli asset grafici. È suddivisa in sottocartelle, una per piattaforma, e conterrà gli splashscreen, le icone e gli altri file componenti la grafica dell’app nelle varie risoluzioni che intenderemo supportare.
Titanium provvede a creare le icone e le splashscreen di default per le principali risoluzioni grafiche. Sarà nostra cura sostituire queste immagini con la grafica personalizzata prima di distribuire l’app.

\views

È la cartella in cui vengono salvate le view, cioè i file XML che descrivono l’interfaccia utente dell’app. Nel seguente esempio, Appcelerator Studio crea automaticamente un file, chiamato index.xml: esso rappresenta la view principale dell’app, cioè quella che viene eseguita per prima, subito dopo l’esecuzione di alloy.js.

<Alloy>
   <Window class="container">
      <Label id="lbl" onClick="lblClick">Ciao, Pippo</Label>
   </Window>
</Alloy>

In questo esempio, index.xml include la definizione di un oggetto finestra (Window) e di una etichetta (Label). I tag descrivono gli elementi dell’interfaccia utente, e gli attributi rappresentano le proprietà associate agli elementi stessi. L’attributo onClick, ad esempio, indica quale funzione del controller associato alla view verrà richiamata cliccando sull’etichetta.

\controllers

All’interno di questa cartella troveremo i files che si occupano della business logic, ovvero della gestione degli eventi e dei dati. Un controller è associato alla vista con cui condivide lo stesso nome.

function lblClick(e) {
    alert($.lbl.text);
}
$.index.open();

\styles

Se la view contiene la definizione della UI, il foglio stile contiene le proprietà grafiche di ciascun elemento dell’interfaccia utente, ed ha una sintassi che ricorda quella del CSS. Ad ogni view può essere associato un foglio stile, con estensione .tss. Nell’esempio, il foglio stile della view index.xml sarà quindi index.tss. È prevista anche la possibilità di avere un foglio stile globale, chiamato app.tss.

".container": {
    backgroundColor:"white"
},
"Label": {
    width: Ti.UI.SIZE,
    height: Ti.UI.SIZE,
    color: "#000"
}

\models

Alloy utilizza backbone.js come framework per la gestione di modelli e collezioni. I modelli Alloy, infatti, ereditano dalla classe Backbone.Model e ne sfruttano quindi la logica e i metodi d’accesso. I modelli devono essere definiti in questa cartella e sono accessibili dai controller, che possono richiamarli facendo riferimento al loro nome di file.

Share

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.